Tutti sanno che se non ci si lava i denti può formarsi una carie. Quasi nessuno, però, collega una cattiva igiene orale a una polmonite, a un parto prematuro o a un infarto, ma una correlazione c’è: la salute orale e lo stato di salute generale si influenzano a vicenda, come evidenziano molte ricerche recenti.

DIABETE

La parodontite (infiammazione dei tessuti di sostegno del dente) influisce sulle malattie metaboliche croniche facendo salire al di sopra della norma i valori della glicemia (diabete),rendendo più difficile regolare il tasso di zucchero nel sangue: i focolai d’infiammazione in bocca fanno sì che le cellule non reagiscano sufficientemente all’insulina, che in questo modo ha un effetto minore sulla glicemia. 

D’altro canto, il diabete ha ripercussioni sulla salute dei denti e della gengiva. Rispetto alle persone sane, i diabetici hanno una maggiore predisposizione alle infezioni batteriche, perché nel loro sangue vi sono più mediatori d’infiammazione. Le persone che soffrono di diabete hanno spesso un sistema immunitario indebolito, il che permette ai batteri presenti in bocca di moltiplicarsi. Di conseguenza, i diabetici hanno maggiori probabilità di soffrire di parodontite o di carie. Tuttavia, con una buona igiene orale, i diabetici possono prevenire le affezioni alle gengive e al parodonto e, pertanto, tenere meglio sotto controllo la loro glicemia. 

 

PROBLEMI CARDIOCIRCOLATORI

 I batteri responsabili della parodontite e i relativi mediatori d’infiammazione possono essere trasportati dal sangue nel resto dell’organismo. In questo modo possono restringere i vasi, peggiorando l’irrorazione sanguigna e ostruendo le arterie. Il sangue coagula più velocemente, aumentando così il rischio di infarto cardiaco. In caso di parodontite grave, inoltre, il rischio di ictus è da due a tre volte più alto e colpisce soprattutto gli uomini ultrasessantenni.

 Oltre ai batteri della parodontite, altri agenti patogeni possono entrare nel circolo sanguigno attraverso la mucosa orale. Questo processo è definito batteriemia ed è la causa principale delle infiammazioni della membrana che riveste internamente le pareti del cuore (endocardite), nonché, a volte, dei disturbi del ritmo cardiaco. Per questo motivo è opportuno segnalare al medico dentista e all’igienista dentale eventuali insufficienze cardiache.  Migliorare l’igiene orale grazie alle istruzioni degli esperti può aiutare a evitare che altri batteri aggressivi entrino nel circolo sanguigno attraverso la mucosa orale.

MALATTIE DELLE VIE RESPIRATORIE

Le affezioni al cavo orale e una cattiva igiene orale aumentano il rischio di malattie alle vie respiratorie. I batteri presenti in bocca vengono aspirati nella gola e nei polmoni, dove possono dare origine a malattie. In presenza di un sistema immunitario indebolito (per esempio negli anziani e nei bambini), tali batteri possono provocare una bronchite, una polmonite o persino un enfisema polmonare (ossia una dilatazione degli alveoli polmonari). In relazione alla parodontite e alle malattie delle vie respiratorie, un gruppo particolarmente a rischio è quello dei fumatori: da un canto il fumo riduce la funzione polmonare, dall’altro aumenta il rischio d’insorgenza di una parodontite. Le sostanze dannose che raggiungono i polmoni, come la polvere o i gas, danneggiano il sistema immunitario e riducono la capacità dei polmoni di autopulirsi. 

 

Chiamaci per prenotare una visita di controllo!!

Studio Dentistico  Iperdent Modena Tel. 059 749092

Studio Dentistico Iperdent Bologna tel. 051 328032

 

IPERDENT BOLOGNA POLIAMBULATORIO

Via Aposazza 2A, 40100 – Bologna (Bo)
Iperdent Bologna Srl P.Iva 03629071204
Direttore Sanitario Dott. Andrea Mazzi
Aut. San. PG66049 del 13/02/2018
051 32 80 32 | info@iperdent.it

IPERDENT MODENA AMBULATORIO
Via Medicine 2382, 41057 – Spilamberto (Mo)
NINA Srl P.Iva 01315280451
Direttore Sanitario Dott. Vatteroni Ernesto
Aut. San. Prot. 24894 del 20/12/2018
059 74 90 92 | modena@iperdent.it

Informazione sanitaria e pubblicitaria ai sensi del combinato disposto di cui all’art. 2 DL 223/2006 e art. 1 co 525 L 145/2018