Nella maggior parte dei casi, la rigenerazione ossea è un intervento preliminare o contestuale al posizionamento di un impianto dentale per permetterne l’inserimento.

In altri casi è un intervento volto a rigenerare l’osso perso attorno al dente a causa della parodontite.

Quando si verifica la perdita di osso

La riduzione di osso mascellare è dovuta ad un naturale processo che inizia quando uno o più denti vengono persi.

Infatti un dente finché è presente in arcata contribuisce con la sua funzione ed al mantenimento del volume osseo.

1. Estrazione dentale

Estrazione dente Milano - Studio Dentistico Macaluso

Dopo un estrazione, in assenza della radice del dente, i tessuti tendono a ridursi ed in particolare l’osso diventa più sottile e si riduce in altezza. In termini più tecnici si ha un riassorbimento osseo sia orizzontale che verticale.

Nei tre mesi subito successivi all’estrazione si ha la maggior parte del riassorbimento. Si perde infatti circa il 25% dell’osso. Tale riassorbimento, dopo la fase iniziale, continua più lentamente negli anni a seguire.

Per questo motivo se dopo la caduta di un dente si decide di sostituirlo con un impianto dentale è consigliabile non far passare molto tempo per evitare che siano compromesse l’estetica, la funzione e la fisionomia del paziente.

2. Parodontite ed osteoporosi

Parodontite: cosa è e come trattarla [guida] | GUM

Oltre a questa evenienza le ossa mascellari possono ridursi anche a causa della parodontite e più raramente dell’osteoporosi.

La parodontite nella maggior parte dei casi determina un riassorbimento osseo orizzontale attorno ai denti. In questo caso l’osso si abbassa attorno a tutti i denti scoprendo le radici come potrebbe fare una bassa marea con i piloni di un pontile. Quando questo succede non si può mai rigenerare l’osso perso.

In alcuni casi però, quando la malattia è più grave, il riassorbimento attorno al dente ha una forma irregolare. Si parla in questi casi di riassorbimento osseo verticale. Quando l’osso che si riassorbe attorno ad un dente ha quindi la forma di una cavità contenitiva è possibile rigenerare l’osso perso. Quanto più è contenitivo il deficit osseo tanto più il coagulo insieme al materiale innestato sarà stabile e si potrà avere una rigenerazione efficace e predicibile.

Come può essere rigenerato l’osso

Il riassorbimento dell’osso dentale può essere contrastato agendo con tecniche rigenerative che mirano ad aumentarne il volume. Le ossa mascellari possono essere rigenerate sia utilizzando osso autogeno sia bio-materiali.

L’osso autogeno, cioè prelevato dal paziente stesso, è l osso migliore per ottenere una rigenerazione ossea in quanto è ricco di fattori di crescita presenti naturalmente nell’osso stesso.

I bio-materiali vengono utilizzati soprattutto quando l’innesto interessa zone meno estese.

Rigenerazione ossea e parodontite

La rigenerazione ossea può anche essere utilizzata con successo nel trattamento della parodontite. Questo vale quando abbiamo la presenza di tasche con una forma tale da poter contenere in modo stabile coagulo, che è la condizione necessaria per poter ottenere una buona rigenerazione.

Oggi per indurre la formazione di nuovo osso e nuovo legamento parodontale intorno ai denti si usa un gel a base di amelogenine che agiscono – per intenderci – come agirebbero delle cellule staminali. In questi casi viene ripristinata correttamente la struttura ossea scomparsa attorno ai denti a causa della malattia parodontale, evitando in molti casi la perdita di questi ultimi.

L’osso ha bisogno di tempo per rigenerarsi. In linea di massima il completamento del processo fino alla completa mineralizzazione ha bisogno di 6 mesi / 1 anno.

Post intervento

L’intervento di rigenerazione ossea non è doloroso perché fatto in anestesia locale.

Per agevolare la guarigione dopo l’intervento è importante seguire le direttive del dentista con molta attenzione. In particolare:

  • seguire una dieta semiliquida
  • evitare bevande e alimenti troppo caldi che fanno sanguinare
  • utilizzare uno spazzolino con setole morbide per l’igiene dentale domiciliare
  • fare sciacqui con un collutorio antibatterico a base di clorexidina per il tempo indicato dal dentista almeno fino alla rimozione dei punti
  • non bere alcolici per alcuni giorni
  • non fumare

Se desideri conoscere il parere di uno specialista non esitare a contattare i nostri studi:


BOLOGNA 051 32 80 32


MODENA 059 7490 92

POLIAMBULATORIO DI BOLOGNA
Via Aposazza 2A, 40100 – Bologna (Bo)
Direttore Sanitario Dott. Andrea Mazzi
Aut. San. PG66049 del 13/02/2018

AMBULATORIO MODENA
Via Medicine 2382, 41057 – Spilamberto (Mo)
Direttore Sanitario Dott. Vatteroni Ernesto
Aut. San. Prot. 24894 del 20/12/2018

Informazione sanitaria e pubblicitaria ai sensi del combinato disposto di cui all’art. 2 DL 223/2006 e art. 1 co 525 L 145/2018

Informazione sanitaria ai sensi della legge 248 (legge Bersani) del 04/08/2006